Pavimento in finto parquet

Il pavimento in Lvt Luxury Vinil Tile (piastrella vinilica di lusso) rappresenta una valida alternativa a qualsiasi tipo di pavimento in commercio e sempre più può essere preso in considerazione per la tua nuova casa.

Scopri la collezione
Dietro a questa sigla, Lvt, altro non si nasconde che un pavimento vinilico composto da più stati di Pvc (prodotto derivato dal sale da cucina) questo pavimento di recente produzione è estremamente diffuso soprattutto in ambienti come alberghi, bar, palestre, ristoranti, scuole, studi medici e uffici.

Si tratta di pavimenti il cui pregio più grande è la funzionalità e la semplicità di manutenzione orientati a garantire risultati in termini di efficacia elevata per tutte le attività commerciali e private come quelle sopra indicate. Uno dei pregi maggiori dei pavimenti Lvt è quello di essere fonoassorbente: ciò vuol dire che riescono a garantire un grande isolamento acustico e limitare il rumore trasmesso dovuto al calpestio.

I pavimenti vinilici inoltre sono resistenti all’acqua, al fuoco e all’usura. Una pavimentazione in Lvt, appartenendo alla famiglia dei pavimenti caldi, risulterà inoltre essere sempre tiepida al tatto, donando quindi un effetto piacevole soprattutto se amate camminare per casa a piedi nudi; sono di basso spessore, quindi molto poco invasivi quando si ristruttura e si vuole dare un nuovo volto ai vostri locali; si tagliano con il solo taglierino quindi non fanno polvere e residui e sono anche antibatterici.

Negli ultimi anni questa soluzione viene sempre più consigliata da architetti e interior designer anche in virtù della nuova generazione di prodotti, che riesce ad essere estremamente similare ai pavimenti in vero legno e funzionale grazie alla vasta possibilità di utilizzo e altamente decorativa al contempo.

I limiti dei pavimenti in Lvt

Un aspetto importante dei pavimenti Lvt è che questi si differenziano dai classici Pvc per la forma in cui si presentano: sono infatti liste di forma rettangolare o squadrata e non teli unici, come nel caso del Pvc a rotoli.

Proprio per questa loro conformazione, uno dei limiti dei pavimenti in Lvt è dato dalla complessità della posa in opera; solitamente è richiesto l’intervento di un professionista per installare al meglio le liste e non ci si può improvvisare nella messa in opera senza tenere conto di esperienza e problematiche varie di cui tenere conto.

Il parquet in Lvt inoltre non è resistente ai graffi, il che può essere una grande limitazione ed è un fattore importante da valutare in fase di scelta.

Così come il fatto di essere un materiale termo scopico, cioè teme i raggi del sole così come il calore e sbalzi termici.
Ultimo aspetto da valutare quando si decide di puntare su questo prodotto è il fatto che non è resistente alle sostanze chimiche.

Criticità che vanno a fare il palio con i vantaggi sopra indicati.

I vantaggi dei nostri pavimenti Lvt

Tutti i pavimenti in Lvt che offre la gamma Cover-floor hanno la caratteristica di presentare una finitura a registro o sincronizzata: si fa quindi riferimento ad una particolare tipologia di lavorazione non casuale delle superficie, bensì una spazzolatura che riprende fedelmente le venature del decoro sottostante.

Le nostre piastrelle in Lvt hanno inoltre un sistema di incastro a click di semplice istallazione, che permette di incastrare una lista alla volta al contrario di altri prodotti presenti sul mercato, dove bisogna istallare tutta una fila di liste per proseguire.
In questo modo si va a circoscrivere la criticità notoriamente legata al Lvt, ovvero la difficoltà di messa in opera, con l’utilizzo di un professionista e una spesa maggiore.

I nostri pavimenti Lvt inoltre hanno una maggior resistenza al graffo, grazie all’utilizzo di un protettivo più pregiato rispetto alla media dei pavimenti in vinile e hanno un’ottima flessibilità, quindi temono meno gli sbalzi di temperatura rispetto ai prodotti meno pregiati.
Una soluzione semplice per pavimentazioni che consente di raggiungere ottimi risultati.

Perchè scegliere il Pavimento in finto parquet di Italflooring?